Centri d'Eccellenza - Chirurgia della Mano

La Psicomotricità

La terapia della neuro e psicomotricità dell’età evolutiva è una disciplina che mira a valorizzare la persona nella sua globalità, intesa come stretta unione tra struttura somatica, cognitiva ed affettiva.

Nasce per accogliere e rispondere ai bisogni del bambino, accompagnandolo nel suo normale percorso evolutivo (educativo e preventivo al disagio) oppure in situazione di difficoltà (aiuto terapeutico).

Nell’ambito delle malformazioni congenite in chirurgia della mano lo scopo della psicomotricità è la promozione dello sviluppo della competenza non comparsa, il recupero funzionale che, a causa della patologia, è andato perduto e il coinvolgimento della mano e dell’arto superiore affetti nel contesto globale.

La psicomotricità si inserisce nel protocollo di cura per la promozione e l’integrazione della mano e dell’arto superiore affetto da malformazione congenita nello sviluppo psicomotorio.

Le attività sono mirate alla corticalizzazione del gesto e all’integrazione dell’arto affetto da malformazione nello schema corporeo, cioè l’immagine mentale che ogni persona ha di sé, attraverso il gioco e in particolare il gioco spontaneo, che è considerato lo strumento con cui il bambino conosce il mondo ed impara.