Neurologia Ospedale San Giuseppe

Nell’Ottobre 2010 è stata istituita l’Unità Operativa di Neurologia che, nel mese di marzo 2011, è stata completata con la Stroke Unit.
L’UO è diretta dal Dr. Pietro Bassi.
L’UO dispone attualmente di 16 letti di cui quattro monitorati (Unità semi-intensiva di Stroke Unit), con monitor multiparametrici, dove vengono accolte le persone colpite da Ictus sia ischemico che emorragico.
Inoltre l’UO di Neurologia è in grado di accogliere altre emergenze quali le cefalee acute, le vertigini, gli stati confusionali, le epilessie, etc.
Inoltre ricovera in elezione persone che hanno necessità di accertamenti che si possono fare solo in regime di ricovero.
Inoltre l’UO ha un ambulatorio per le visite neurologiche, per le visite per la cura delle cefalee. Dispone inoltre di apparecchiature complete per la Neurofisiologia (Elettroencefalogrammi, Elettromioneurografie, Potenziali evocati.

Direttore

Pietro Bassi

Aiuto

Gianluigi Valenti

Assistente

Domenico Santoro

Giovanna Savorgnan

L’eccellente preparazione medica ed infermieristica soprattutto sui pazienti con Ictus ha fatto sì che convergessero verso il San Giuseppe molte autoambulanze del 118 che, in moltissimi casi, trovano il Neurologo già presente in Pronto Soccorso all’arrivo dell’autolettiga.
L’attività di ricovero è quindi incentrata sui pazienti che provengono dal Pronto Soccorso (Ictus, Cefalee, Vertigini, Epilessie, Stati confusionali) mentre l’attività elezione è riservata a quei pazienti che non possono fare le indagini ambulatorialmente.
L’attività ambulatoriale viceversa è incentrata prevalentemente sui pazienti non urgenti che hanno bisogno di visite o di esami strumentali.
Le visite possono essere di neurologia generale o per la cura delle cefalee.
Gli esami strumentali sono gli elettroencefalogrammi (per la ricerca di cefalee, epilessie, encefalopatie di varia natura, etc.), gli Elettromioneurogrammi (per la ricerca delle malattie del muscolo e dei nervi periferici) ed i potenziali evocati visivi, uditivi, somatosensoriali o del pudendo.

Nel corso dell’ultimo anno abbiamo utilizzato la trombolisi per via venosa per gli Ictus di tipo ischemico nel 9,05% di tutti gli Ictus pervenuti nella nostra struttura (contro una media regionale del 3,9%)

Il campo in cui l’UO eccelle è sicuramente quella legata alla Stroke Unit nella quale trattiamo al più alto livello i pazienti con Ictus ischemico o emorragico, dove pratichiamo, quando indicata, la trombolisi per via venosa.
L’esperienza maturata dall’equipe in più di 20 anni di attività ai massimi livelli a Milano ci ha permesso di costruire una Stroke Unit che tratta questi pazienti nel miglior modo oggi disponibile con attrezzature di 1° livello.
In generale, essendosi formato il personale sull’emergenza, ci sentiamo di dire che tutta la patologia neurologica d’urgenza che proviene dal Pronto Soccorso viene trattata ai massimi livelli.
Importanti sono le cooperazione con la Rianimazione per il trattamento dei casi più complessi e con la Riabilitazione neuromotoria che porta i nostri pazienti con deficit neurologici anche importanti a risultati clamorosi per via della pronta (anche nella stessa giornata dell’Ictus) presa in carico del paziente con Ictus.
Altra importante Cooperazione è quella con la Chirurgia Generale 1a con la quale gestiamo il paziente con stenosi carotidee.