Varie

La Malattia Venosa Cronica, ne soffrono 8 persone su 10

Le persone che soffrono di malattia venosa cronica (MVC) sono quasi l’80% della popolazione. Ne soffrono di più le donne e sono loro quelle che presentano i sintomi più gravi: gonfiore, dolore, infiammazione.

La Malattia Venosa Cronica si manifesta con: sensazione di pesantezza soprattutto alla sera, bruciore, formicolio, dolore, crampi, tensione, sensazione pulsante, sensazione di gonfiore, prurito, gambe senza riposo, gambe affaticate o stanche.

Se presentate uno o più di questi sintomi potreste soffrire della Malattia Venosa Cronica.

Negli stadi precoci molto si può fare come prevenzione, mentre quando la malattia è più avanzata ci sono differenti trattamenti fisici, farmacologici, riabilitativi e chirurgici che possono essere attuati, che lo specialista può suggerire caso per caso.

Il cambiamento dello stile di vita è fondamentale per la prevenzione ed in particolare durante le nostre vacanze possiamo fare qualcosa per alleviare i sintomi con pochi piccoli consigli:

  • Camminare in spiaggia a piedi nudi aiuta a stimolare la pompa plantare che rappresenta il “Cuore periferico” per la stimolazione del sistema venoso sia profondo che superficiale.
  • Camminare nell’acqua del mare in una profondità di circa 150 cm migliora la motilità della caviglia, ginocchio e delle anche favorendo e stimolando la pompa muscolare.
  • Camminare nell’acqua di mare in una profondità di circa 80 cm stimola la pompa muscolare sotto la pressione dell’acqua.
  • Il movimento nell’acqua di mare determina un massaggio flebo-linfodrenate naturale dato dal movimento ondulatorio delle onde create dallo spostamento, quindi stimolando sia il ritorno venoso che il sistema linfatico.
  • Utile sarebbe svolgere tale attività per circa 30 minuti due volte al giorno, al mattino e al pomeriggio tardi (escludendo le ore più calde della giornata), altrimenti se è possibile farlo solo una volta al giorno è preferibile al mattino, per allungare i benefici del trattamento durante tutta la giornata.

Questi consigli che si possono mettere in pratica “sotto l’ombrellone”.
In vacanza è possibile anche rivolgersi a centri specializzati (talassoterapia) per il sistema venoso con training specifici per paziente e stadio della malattia venosa cronica.

Ovviamente la valutazione specialistica clinica è necessaria con il perdurare della sintomatologia e per adottare ulteriori misure terapeutiche: elastocompressive, farmacologiche e chirurgiche ove necessario