Ricerca scientifica

Luigi Padeletti è direttore del Dipartimento Cardiovascolare. Un incarico che va al cuore della ricerca

Una lunga esperienza accademica e una competenza scientifica di prestigio internazionale delineano il profilo del nuovo Direttore del Dipartimento Cardiovascolare del Gruppo MultiMedica, Luigi Padeletti.
Professore ordinario di Cardiologia e Direttore dal 1998 al 2015 della Scuola di Specializzazione in Malattie cardiovascolari all’Università degli Studi di Firenze, è stato recentemente membro della task force europea che ha redatto le recenti Linee guida per la Cardiostimolazione tuttora applicate.

Il professor Padeletti è autore di oltre 300 lavori scientifici (vedi PubMed) e autore di numerosi capitoli di libri e editor di trattati di aritmologia e scompenso cardiaco ed è revisore degli abstract per l’HRS (Heart Rhythm society. Luigi Padeletti è stato membro del board della European Heart Rhythm Association (Ehra) come responsabile dei Comitati scientifici nazionali di 55 Paesi nel biennio 2013-2015.
Attualmente è membro del direttivo della SIC (Società Italiana di Cardiologia)

La sua competenza, oltre a confermare il lavoro di eccellenza dell’IRCCS MultiMedica di Sesto San Giovanni, si pone al servizio del programma di potenziamento e sviluppo del Dipartimento Cardiovascolare.

Nel solco di una tradizione che già premia l’IRCCS MultiMedica nel ranking ministeriale di tali strutture, il lavoro del prof. Padeletti si ispira, se vogliamo, a quello del direttore d’orchestra: una guida e un accompagnamento per raggiungere la perfetta sintonia tra le Unità Operative che svolgono la loro attività nell’ambito cardiovascolare e metabolico dell’intero Gruppo.

Un altro obiettivo del professore, è andare al cuore della ricerca valorizzando ulteriormente il team di giovani professionisti impegnati nei temi più attuali della ricerca in campo cardiologico, quale lo scompenso, l’aritmologia, il monitoraggio remoto e l’influenza delle comorbosità nella prognosi delle malattie cardiovascolari.

Una lavoro cui si aggiunge la volontà di affiatare e far crescere le persone che sono il volto del gruppo MultiMedica, il vero fiore all’occhiello nell’assistenza e nella ricerca.

Fattore stimolante è proprio unire la dimensione accademica a Firenze con il coordinamento delle attività di ricerca e cura cardiovascolare del Gruppo MultiMedica.