Prevenzione

Malattie cardiovascolari: l’importanza della prevenzione

La recente inaugurazione del CardioPoint presso l’IRCCS MultiMedica di Sesto San Giovanni, un ambulatorio dove grazie alla consulenza dei nostri specialisti si potranno ricevere, gratuitamente e senza appuntamento, informazioni sul nostro rischio cardiovascolare, ci invita a puntare l’attenzione sul tema della prevenzione cardiovascolare che riveste un ruolo fondamentale nel controllo della malattia. L’adozione di corretti stili di vita consente di ridurre sensibilmente il numero e la gravità degli eventi patologici e guadagnare in salute e anni di vita.

Che cosa sono le malattie cardiovascolari?

Con il termine “patologie cardiovascolari” ci si riferisce generalmente alle malattie che riguardano il cuore ed i vasi sanguigni, come ad esempio l’angina pectoris, l’infarto del miocardio, lo scompenso cardiocircolatorio o l’ictus celebrale. Esse rappresentano la prima causa di morte nei Paesi occidentali.
I principali organi ad esserne colpiti sono cuore, cervello ed arterie periferiche degli arti inferiori. È importante considerare che questo processo patologico è progressivo e può essere del tutto asintomatico per lunghi periodi a tal punto da rischiare di essere scoperto quando è troppo tardi per intervenire. Per questo è importante non solo la prevenzione primaria, adottando corretti stili di vita, ma anche quella secondaria attraverso screening periodici.

Fattori di rischio e di protezione

Diversi sono i fattori di rischio che concorrono allo sviluppo delle malattie cardiovascolari, suddivisibili in due categorie: fattori di rischio non modificabili e fattori di rischio modificabili.
Tra i primi troviamo età, sesso e fattori ereditari. Mentre della seconda categoria fanno parte tutte quelle variabili sulle quali è possibile intervenire al fine di ridurre o eliminare le possibilità di ammalarsi. Eccole di seguito descritte.

  • Alimentazione
    I principi nutritivi contenuti negli alimenti (carboidrati, proteine, lipidi, vitamine e sali minerali) provvedono al nutrimento dell’organismo: forniscono energia per lo svolgimento delle varie attività fisiologiche, materia per la costruzione, il mantenimento ed il rinnovo dei tessuti, sostanze regolatrici dei processi metabolici che si svolgono nell’organismo e dell’equilibrio idrosalino.
  • Attività fisica
    Un valido aiuto nel mantenimento della salute cardiovascolare arriva dall’attività fisica che, se correttamente e costantemente praticata, è in grado di prevenire o ritardare la comparsa di alterazioni fisiche e psicologiche.
  • Astensione dal fumo
    Fumare è un’abitudine decisamente pericolosa ed è una delle maggiori cause di malattie cardiache.
  • Sovrappeso e obesità
    Quantità eccessive di grasso corporeo costituiscono un pericolo per la salute, soprattutto per il rischio di insorgenza di alcune malattie quali la cardiopatia coronarica, il diabete, l’ipertensione e alcuni tipi di cancro.
  • Colesterolo
    Un’altra variabile da tenere sotto controllo è la concentrazione di colesterolo nel sangue, prodotto dal fegato e presente in tutte le cellule dell’organismo.
  • Pressione arteriosa
    L’ipertensione arteriosa è il fattore di rischio più importante per l’ictus, per l’infarto del miocardio, le arteriopatie periferiche, l’insufficienza renale cronica, la retinopatia. I livelli di pressione predicono inoltre la mortalità totale, la speranza di vita e contribuiscono a predire anche cause di morte non cardiovascolari. Pertanto la pressione arteriosa va controllata regolarmente anche in relazione agli altri fattori di rischio (colesterolemia, glicemia, peso, abitudine al fumo), e va mantenuta a livelli desiderabili attraverso l’adozione di uno stile di vita sano e, qualora necessario, assumendo specifiche terapie.