Varie

Prendersi cura di sé ai tempi del Coronavirus

Come tutto ciò che non conosciamo bene, il nuovo Coronavirus COVID-19 può creare forte stress e alterare il senso di controllo in cui normalmente viviamo, generando un senso di maggiore allerta. In questo articolo troverete un decalogo di consigli utili ad affrontare al meglio questo momento di vita e a mantenere il proprio benessere psicologico.

  1. Attenersi ai dati oggettivi

    Il coronavirus è un virus contagioso ma, come ha sottolineato l’OMS, su 100 persone che si ammalano, 80 guariscono spontaneamente. Privilegiamo i canali ufficiali come fonte di informazione:
    Ministero della Salute
    Istituto Superiore di Sanità

  2. Scegliere 2 momenti al giorno

    L’esposizione continua alla mole di informazioni via web, radio e TV, invece che rassicurare potrebbe aumentare il senso di paura. Dedicare solo due momenti al giorno per informarsi. La paura si riduce se si capisce con chiarezza cosa sta succedendo e che cosa è possibile fare.

  3. Seguire le norme igieniche

    L’uso regolare delle indicazioni fornite dal Ministero della Salute riduce significativamente il contagio per sé, per chi è vicino e per tutta la collettività.

  4. Parlare d’altro

    Parlare continuamente del virus aumenta lo stress. Si può scegliere di parlarne in momenti appositamente dedicati e per il resto del tempo portare la mente e i pensieri altrove.

  5. Continuare la propria routine

    Mantenere le proprie abitudini, per quanto possibile, consente di ancorarsi a ciò che è certo, noto e prevedibile e pertanto rassicurante.

  6. Prendersi cura di sé

    Mangiare in modo regolare e sano, riposarsi adeguatamente, fare attività fisica, meglio se all’aria aperta, sono tutti comportamenti da mantenere. Essi rinforzano le difese immunitarie e migliorano il tono di umore.

  7. Distrarsi piacevolmente

    Prendersi del tempo per praticare attività piacevoli che possano aiutarci a scaricare lo stress e ricaricare le energie: leggere, fare giardinaggio, yoga, meditare, passeggiare nella natura…

  8. Parlare di come ci sentiamo

    Parlare con qualcuno a noi vicino può aiutarci, liberarci da un peso e farci sentire meno soli.
    Avere restrizioni di movimento non significa annullare la socializzazione: utilizziamo Skype, videochiamate, Zoom e insegniamo ai più anziani come fare per non rimanere “isolati nell’isolamento”.

  9. Dare sicurezza ai bambini

    I bambini hanno bisogno di sicurezza, affetto e fiducia: sono piccoli ma osservano e comprendono tutto. Ricordiamoci che è importante calmare noi stessi per dare sicurezza ai bambini.

  10. Non vergognarsi di chiedere

    Se paura ed ansia sembrano eccessive o creano disagio, non avere timore di parlarne e di chiedere aiuto ad un professionista. L’Ordine degli Psicologi della Lombardia ha promosso una campagna di sensibilizzazione a favore di tutti: #lopsicologotiaiuta.

Dr.ssa Claudia Rizza e Dr.ssa Loretta Moroni, psicoterapeute, U.O. Riabilitazione Cardiologica Specialistica, Gruppo MultiMedica.

Fonti:
Liberamente tratto da: “Self-care degli operatori sanitari ai tempi del COVID-19” a cura di Laura Torricelli;
“Coronavirus consigli per i cittadini” a cura di Manuela Spadoni e Giada Maslovaric;
“Coronavirus consigli per caregivers” a cura di Alessia Incerti e Giada Maslovaric, Associazione EMDR Italia;
“Vademecum psicologico coronavirus per i cittadini” a cura di David Lazzari, Consiglio Nazionale Ordine Psicologi.