Diagnosi e cure

La Mesoterapia estetica per combattere la Cellulite

Con la Mesoterapia vengono eliminati i ristagni di liquidi nei tessuti cutanei e sottocutanei. Questa soluzione permette di eliminare alcuni degli inestetismi più odiati dalle donne, in primis la cellulite.

 

In cosa consiste?
La Mesoterapia prevede l’iniezione intradermica di farmaci, si tratta di sostanze antinfiammatorie, analgesiche, antiedemigene (che riducono il gonfiore), anti-age, protettive dei capillari e lipolitiche. Le iniezioni vengono effettuate con aghi sottilissimi che permettono di iniettare direttamente nella zona intradermica i farmaci in piccola quantità. Il vantaggi dell’iniezione sono quelli di utilizzare una quantità di farmaco minore, utilizzarlo direttamente dove è necessario e con tempi d’azione inferiori. Al contrario di quanto si possa pensare, sono iniezioni praticamente indolore, questo esclude l’utilizzo di iniezioni anestetizzanti prima della terapia. Inoltre ogni singola iniezione intradermica contiene una piccola quantità di anestetizzante, per ridurre anche il minimo senso di disagio nel paziente.

 

Quando si usa?
La mesoterapia viene utilizzata per cellulite, adiposità distrettuali e insufficienza venosa e linfatica.

Soffermiamoci sulla cellulite, l’inestetismo più odiato dalla maggior parte delle donne. Ne sono colpite circa l’80-95% delle donne adulte e consiste in una stasi micro-circolatoria dell’ipoderma degli arti inferiori che causa un’alterazione dello scambio plasmatico tissutale. La cellulite si accompagna spesso ad adiposità localizzata, anche se può formarsi in tutte le donne, senza una diretta correlazione con il peso corporeo, sono infatti affette da cellulite tanto le donne obese quanto le normolinee o le magre. A livello tissutale, all’insorgere della cellulite, si rilevano diverse modifiche: ipertrofia delle cellule adipose; ritenzione idrica; fenomeni involutivi del tessuto reticolare intorno agli adipociti. Queste alterazioni interessano la microcircolazione dell’adipe e con il tempo provocano una compressione anatomica e funzionale della vascolarizzazione del tessuto che porta all’insorgenza di problemi a carico del derma e dell’ipoderma.

 

La mesoterapia è sufficiente?
Perché gli effetti del trattamento siano maggiormente evidenti e duraturi nel tempo è sempre bene associarvi sport e una corretta alimentazione a base di:

  • Frutta e verdura ricchi di vitamina C, ad esempio agrumi, ananas, kiwi, fragole e ciliegie; lattuga, radicchi, spinaci, broccoletti, cavoli, cavolfiori, pomodori, peperoni e patate novelle;
  • Mirtilli, meliloto, centella, pungitopo e ippocastano: rimedi fitoterapici con effetto protettivo sul microcircolo;
  • Carciofi, finocchi, indivia, cicoria, cetrioli, ananas, melone, anguria pesche e fragole: indicati per le loro proprietà diuretiche;
  • Tè, tè verde e caffè , purché non zuccherati.

 

Tra i prodotti ad alto effetto “dimagrante” avrete sentito spesso parlare di guaranà, mate, yohimbe, fuca e garcinia: non fateci troppo affidamento! Questi rimedi, oltre ad essere una goccia d’acqua nell’oceano, se assunti ad alte dosi possono affaticare inutilmente il fegato.